Sotto la carrozzeria si nasconde l’auto da corsa. Derivata dalla Super Trofeo ha prestazioni impressionanti. Scatta da 0 a 100 km/h in 2,9 grazie al V10 da 640 CV.

La sua ideale antenata è la Gallardo Superleggera, una sportiva dalle prestazioni già impressionanti. La Huracan Performante è molto di più, non solo per le travolgenti prestazioni, ma per un progresso innovativo che in questi ultimi anni ha fatto passi da gigante in casa Lamborghini. Basata su un telaio ibrido in alluminio e fibra di carbonio, la carrozzeria della Performante nasce dall’unione dell’alluminio con il pluripremiato Forged Composite, ideato da Lamborghini e presente nello spoiler posteriore e in quello anteriore, nel cofano del vano motore, nel paraurti posteriore e nel diffusore aerodinamico. In questo modo il peso è diminuito di 40 kg. L’altra innovazione riguarda l’aerodinamica e si chiama ALA (Aerodinamica Lamborghini Attiva). Questo sistema di aerodinamica attiva offre una variazione del carico aerodinamico per una maggiore deportanza o minore resistenza aerodinamica. Il sistema è integrato nella vettura in termini di design, peso eì prestazioni. Lo splitter frontale ospita l’attuatore anteriore che movimenta i flap presenti sulla superficie superiore dello splitter stesso, ed è realizzato in carbonio forgiato. Il cofano posteriore è progettato intorno ai condotti di areazione dello spoiler posteriore e ai piloni di quest’ultimo. La Lamborghini Piattaforma Inerziale (LPI) controlla tutti i sistemi elettronici della vettura in tempo reale e funziona in perfetta sintonia con il sistema ALA, attivando i flap in meno di 500 millisecondi per garantire il migliore assetto aerodinamico della vettura in ogni condizione di guida. Quando il sistema ALA è in modalità OFF, i flap integrati nello splitter frontale sono chiusi, generando un elevato carico aerodinamico per affrontare curve ad alta velocità e frenate al limite.

sistema ALA è in modalità ON, i flap si aprono per mezzo di un

motore elettrico, riducendo il carico aerodinamico dello spoiler

anteriore e indirizzando il flusso d’aria in un canale interno e

attraverso la sottoscocca della vettura. In

Post precedente

Winter Marathon

Post successivo

Il nuovo numero di Maggio

Redazione

Redazione

Il bello di ieri, il meglio di oggi, le auto di domani: AutoCapital, dal 1981 ogni mese il best-seller in edicola

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *