Una delle attrazioni della scorsa edizione del Goodwood Revival era la fedele ricostruzionde dei paddock di Monza di sessant’anni fa, costruita per ospitare una splendida esposizione di Maserati 250F di quell’anno

Con la dose inebriante di idrocarburi nell’aria e il sole di fine estate che scotta, qualcuno avrà davvero confuso il paddock del Goodwood Revival 2014 con i pit di Monza 1954. Dettagli maniacali per un set teatrale davvero unico, costruito a regola d’arte per ospitare una straordinaria collezione di monoposto Maserati di quel periodo. “Questa particolare area del paddock è stata progettata tre anni fa per l’esposizione delle Silver Arrows – ha dichiarato Peter Russell, l’uomo dietro all’ideazione del set magico -. Quest’anno, con la Maserati, non poteva che essere Monza”. Striscioni con gli sponsor, la grande tavola “Conduttori” con i nomi dei leggendari piloti dipinti a mano, perfino gli ombrelloni Cynar e gli stendardi Motta: il ricordo del Circuito di Monza sa ancora oggi a emozionare appassionati di tutto il mondo che ancora oggi fantasticano su quegli anni mitici del motorismo.

Post precedente

“Maserati 100”: la storia del Tridente in mostra

Post successivo

Peugeot Quasar

Redazione

Redazione

Il bello di ieri, il meglio di oggi, le auto di domani: AutoCapital, dal 1981 ogni mese il best-seller in edicola

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *