Per conservare e valorizzare i prestigiosi esemplari di ieri nasce il Polo Storico Lamborghini, presieduto dal Comitato dei Saggi formato da Forghieri, Dallara e Reggiani

Tenere in vita il passato vuol dire dare significato e valore al presente. Un assioma che vale anche per tutte le automobili e a maggior ragione per le prestigiose Lamborghini costruite dal 1964 fino a 10 anni fa, cioè dalla 350 GT alla Diablo, che ora hanno a disposizione, per restauro e conservazione, il Polo Storico. Stefano Domenicali, Chairman e Chief Executive Officer di Automobili Lamborghini, ne spiega le ragioni: “Fondamentale per noi era istituire un dipartimento che si occupasse di preservare il nostro patrimonio storico, anche perché il nostro passato è strettamente legato alla storia del marchio, del design e della produzione”. Il nuovo spazio Polo Storico è nella la sede di Sant’Agata Bolognese e, oltre al restauro si occupa della certificazione delle Lamborghini fuori produzione, degli archivi e dei registri. All’interno si provvede anche alla fornitura di ricambi originali, con un magazzino che copre più del 65% dei componenti dei modelli storici della Casa. Basta chiedere e può fornire componenti aggiuntivi. Ma non è tutto: il Polo Storico offre la Certificazione di autenticità, un documento che preserva nel tempo il valore delle Lamborghini storiche.

La struttura fa capo a un organismo, il Comitato dei Saggi, che ha il compito di definire le linee guida generali e convalidare le proposte ricevute da un secondo organismo, la Commissione Tecnica.

Il Comitato dei Saggi è stato costituito in memoria dell’ingegnere Paolo Stanzani, tra i principali protagonisti della storia del marchio di Sant’Agata Bolognese per avere creato,insieme all’ingegner Giampaolo Dallara e al designer Marcello Gandini, la Lamborghini Miura del 1966. È composto da tre membri, uno interno all’Azienda e due esperti esterni. Il primo è Maurizio Reggiani, attuale membro del Board per la Ricerca e Sviluppo, in Lamborghini dal 1998, mentre tra gli esperti esterni del Comitato dei Saggi è stato scelto Giampaolo Dallara, che fu Direttore Tecnico di Automobili Lamborghini dal 1963 al 1969, anni in cui sono nate la 350 GT, la Miura, la Marzal e l’Espada. Dallara è sempre stato considerato insieme a Stanzani e Gandini uno dei padri della Miura. Il secondo membro esterno del Comitato dei Saggi è l’ingegnere Mauro Forghieri, Direttore Tecnico del reparto corse Lamborghini Engineering alla fine degli anni 80. Forghieri è il riferimento per tutte le questioni riguardanti il motorsport all’interno del Lamborghini Polo Storico. Il secondo livello del comitato è composto da esperti provenienti da team interni, design, produzione e altri reparti, oltre che da esperti esterni responsabili della ricerca e della documentazione di dati storici. I primi quattro progetti che vedono coinvolti i due comitati consentiranno di riprodurre ricambi originali, di ricercare immagini storiche dei modelli classici Lamborghini, di certificare il numero esatto di vetture prodotte per ogni modello e versione differenti, di definire i codici colori degli interni e delle parti esterne. Sono già state restaurate diverse vetture storiche utilizzando lo stesso archivio di Lamborghini per verificare design originale, struttura, numeri dei pezzi fino a prodotto finito. Non solo i materiali, ma anche i processi di restauro sono il più possibile identici a quelli originali. Tutto il lavoro fatto è documentato da un certificato di garanzia: un manuale per maneggiare le auto restaurate, tracciando la cronologia dei servizi di ogni Lamborghini classica e gli interventi di restauro. I pezzi di ricambio originali, del valore di 15 milioni di euro, appartengono al magazzino di Lamborghini oppure vengono prodotti da fornitori Lamborghini, originali e certificati. Qualora uno specifico ricambio non fosse disponibile, può essere riprodotto utilizzando i progetti originali. Responsabile del Polo Storico è Enrico Maffeo.

E-mail: polostorico@lamborghini.com

 

Mauro Forghieri, Giampaolo Dallara, Maurizio Reggiani e Stefano Domenicali durante la presentazione del Polo Storico

Mauro Forghieri, Giampaolo Dallara, Maurizio Reggiani e Stefano Domenicali durante la presentazione del Polo Storico

La linea di montaggio della Miura, icona del marchio Lamborghini

La linea di montaggio della Miura, icona del marchio Lamborghini

Alcune Lamborghini V12. Oggi, grazie al Polo Storico, non solo i materiali, ma anche i processi di restauro sono il più possibile identici a quelli originali. Tutta la lavorazione è certificata da una garanzia, una sorta di manuale che fornisce ai proprietari indicazioni precise per maneggiare le auto restaurate, tracciando la cronologia dei servizi di ogni Lamborghini classica e i relativi interventi di restauro

Alcune Lamborghini V12. Oggi, grazie al Polo Storico, non solo i materiali, ma anche i processi di restauro sono il più possibile identici a quelli originali. Tutta la lavorazione è certificata da una garanzia, una sorta di manuale che fornisce ai proprietari indicazioni precise per maneggiare le auto restaurate, tracciando la cronologia dei servizi di ogni Lamborghini classica e i relativi interventi di restauro

Post precedente

Quell’Abarth OT 1000 senza scritte

Post successivo

Winter Marathon 2017

Sperangelo Bandera

Sperangelo Bandera

Giornalista professionista, per 18 anni corrispondente del Corriere della Sera, oggi è Vice direttore di AutoCapital. Mosso dalla passione in tutto ciò che fa, scrive e descrive solo le automobili che guida per amore: conta forse altro nella vita?

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *