L’accordo mira a supportare lo sviluppo di infrastrutture di rifornimento di CNG (gas naturale compresso) e bio-CNG, oltre a progetti di ricerca e sviluppo

Luca de Meo, Presidente di SEAT, e Marco Alverà, Amministratore Delegato di Snam, hanno firmato l’accordo strategico per promuovere l’uso del CNG (gas naturale compresso) e del biometano rinnovabile nell’ottica di una mobilità sempre più sostenibile. Parallelamente verranno sviluppati progetti di ricerca e sviluppo in questo ambito. Snam e SEAT condividono alcuni mercati strategici come l’Italia, la Francia e l’Austria e ciò consentirà alle due aziende di realizzare sinergie per promuovere CNG e bio-CNG, alternative più “green” e convenienti rispetto ai carburanti tradizionali.

Grazie a questo accordo, SEAT e Snam esploreranno opportunità di sviluppo di business e iniziative rivolte ai rivenditori, ai clienti commerciali e agli automobilisti per promuovere il sistema delle stazioni di rifornimento di gas naturale e l’individuazione di nuovi progetti tecnologici.

L’accordo, che potrà essere esteso anche agli altri marchi del Gruppo Volkswagen, include anche iniziative per lo sviluppo tecnologico del biometano, fonte rinnovabile che consente una riduzione ulteriore delle emissioni.

“L’accordo con Snam – ha sottolineato il presidente di SEAT Luca de Meo – pone le basi per una maggiore diffusione del CNG: l’Italia è leader in Europa nell’utilizzo di questa alimentazione e concentra il 55% delle vendite di auto a metano. Un veicolo su cinque venduti da SEAT in Italia è a CNG. Con questa collaborazione vogliamo dare ulteriore impulso allo sviluppo del gas compresso in Italia ed esportare in altri paesi questo caso di successo”.

“Questa nuova partnership – ha commentato l’amministratore delegato di Snam Marco Alverà – permetterà di favorire un ulteriore sviluppo della mobilità sostenibile a gas naturale e biometano sia in Italia che in tutto il continente perché unisce due leader europei: noi nella realizzazione di infrastrutture innovative, SEAT nello sviluppo di nuovi modelli premium. Sia noi che SEAT siamo convinti che il gas naturale, ancora di più grazie alla rapida diffusione del gas rinnovabile, sia la soluzione più immediata per migliorare la qualità dell’aria nelle nostre città, abbinando sostenibilità ambientale a prestazioni ed economicità. La mobilità sostenibile è uno dei punti principali del nostro piano di investimenti da 200 milioni di euro nei business della transizione energetica”.

IL metano per autotrazione è in crescita in tutta Europa e l’Italia è il mercato principale, con una flotta di circa un milione di auto e 1.300 distributori. SEAT è uno dei marchi che più ha scommesso su questo carburante come alternativa efficiente e vantaggiosa offrendo questa tecnologia sui modelli Mii, Ibiza, Leon e Arona (l’unico SUV a CNG al mondo).

L’utilizzo di un’auto a CNG riduce le emissioni di ossido di azoto del 75% rispetto a un veicolo diesel e la CO2 del 25% rispetto alla benzina, eliminando sostanzialmente le polveri sottili. L’autotrazione a metano è considerata ecologica dall’Unione europea, pertanto questi veicoli possono circolare in molte città d’Europa anche in presenza di restrizioni al traffico dovute all’inquinamento. Il gas naturale contribuisce alla lotta contro il cambiamento climatico e assicura vantaggi economici ai consumatori, consentendo risparmi superiori al 30% per chilometro rispetto al diesel e superiori al 55% rispetto alla benzina.

Luca de Meo, Presidente di SEAT

Luca de Meo, Presidente di SEAT

Post precedente

Il numero di dicembre 2018 è in edicola

Post successivo

Volkswagen T-Roc 1.6 TDI

Redazione

Redazione

Il bello di ieri, il meglio di oggi, le auto di domani: AutoCapital, dal 1981 ogni mese il best-seller in edicola

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *