La versione a trazione integrale della vettura inglese monta un quattro cilindri turbodiesel di 2 litri e da 180 CV della serie Ingegnium, caratterizzato da consumi contenuti, silenziosità e prestazioni notevoli. Nonostante sia la più piccola delle Jaguar non ha nulla da invidiare alle sorelle maggiori né in termini di comfort né di esclusività, con in più un ottimo rapporto qualità-prezzo

Sfoglia l’articolo pubblicato su AutoCapital

Post precedente

Mercedes-Benz Classe G vs Iron Schöckl

Post successivo

Crudeli ieri, oggi umane

Sperangelo Bandera

Sperangelo Bandera

Giornalista professionista, per 18 anni corrispondente del Corriere della Sera, oggi è Vice direttore di AutoCapital. Mosso dalla passione in tutto ciò che fa, scrive e descrive solo le automobili che guida per amore: conta forse altro nella vita?

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *