Basta qualche minuto di convivenza con la Captur per comprendere le ragioni del successo della crossover Renault, a lungo la più venduta nel suo segmento di mercato: appena più grande della Clio alla quale si ispira stilisticamente (siamo a 412 cm, con un passo allungato a 2,6 metri), si distingue per il look da offroader (distanza minima da terra: 200 mm), per il posto guida rialzato (ci si siede 10 cm più in alto rispetto alla Clio) e per le quasi illimitate possibilità di personalizzazione estetica. Inoltre la Captur può contare su un abitacolo modulabile: il divano posteriore è scorrevole e consente di ampliare a piacimento il vano bagagli, con 377 dmc di capacità in configurazione 5 posti e 1235 mm a sedile abbattuto.


Su strada la Captur turbodiesel (adotta il noto 1461 cc common-rail da 90 CV e 220 Nm a soli 1750 giri/min) si fa apprezzare per l’assetto quasi piatto, per la prontezza del servosterzo elettrico, per l’efficacia dell’impianto frenante, potente e resistente anche dopo sforzi prolungati e per la tenuta di strada molto valida: l’auto è sempre sicura e stabile, ben “sorvegliata” dall’ESP e caratterizzata da un modesto sottosterzo. Di contro è un po’ secca la risposta delle sospensioni, la cui taratura nasce necessariamente da un compromesso con l’esigenza di assicurare un buon assorbimento anche nel fuoristrada leggero. Il propulsore è silenzioso e molto, molto parsimonioso: la Casa dichiara un fabbisogno di 3,6 litri di gasolio ogni 100 km e nell’utilizzo effettivo si riescono a coprire anche 25 km con un litro. Il cambio a 5 rapporti è adeguato al ruolo della vettura, ma in alternativa c’è una trasmissione a doppia frizione e 6 marce (1.600 euro in più a parità di allestimento; consigliamo l’R-Link Energy che prevede il navigatore satellitare di serie, ben integrato nel sistema di infotainment, con il quale la Captur 1.5 dCi costa 22.300 euro contro i 18.200 euro della versione d’accesso Wave).

La pagella di AutoCapital

Performance
Comfort
Prezzo
Assetto quasi piatto, prontezza del servosterzo elettrico, tenuta di strada molto valida, impianto frenante efficace, potente e resistente anche dopo sforzi prolungati: su strada, la Renault Captur turbodiesel è assai apprezzabile. Di contro è un po' secca la risposta delle sospensioni, la cui taratura nasce necessariamente da un compromesso con l'esigenza di assicurare un buon assorbimento anche nel fuoristrada leggero.
Post precedente

Il numero di aprile

Post successivo

La casa del toro Lamborghini

Redazione

Redazione

Il bello di ieri, il meglio di oggi, le auto di domani: AutoCapital, dal 1981 ogni mese il best-seller in edicola

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *