Club & Sport

Alfa Revival Cup • Circuito di Imola

Sabato 4 ottobre all’Autodromo “Enzo e Dino Ferrari” si è tenuta la quarta e penultima prova dell’Alfa Revival Cup che ha riservato più sorprese che conferme

Già prima della partenza alcuni colpi di scena: il tedesco Darius Ahrabian quarto in griglia, non prende il via per un guasto alla frizione e l’Alfetta Gt di Mazzoli-Bigliazzi non si schiera dopo i problemi tecnici avuti durante le qualifiche. Stessa sorte per Giovanni Verga che ha terminato il weekend ancor prima delle qualifiche per un problema alla sua vettura durante le libere. Ma anche tutta l’ora di gara ha riservato continui sconvolgimenti nella classifica. Alla partenza il poleman Arnaldi, intenzionato a fare poker di vittorie, prende la testa seguito dal siciliano Pantaleo in coppia con Damiani. Moramarco, terzo in griglia, si gira alla variante Villeneuve perdendo varie posizioni che lo costringono a una gara in rimonta. Già al quarto giro viene a mancare dalla competizione Pantaleo per la rottura della cinghia dell’alternatore. Mentre Arnaldi prosegue senza apparenti problemi, al quinto giro Moramarco sale in seconda posizione per poi, quattro giri più tardi, prendere la testa della gara approfittando dell’entrata ai box di Arnaldi. Quest’ultimo è vittima di problemi elettrici alla sua auto che lo costringono al ritiro definitivo al sedicesimo giro. Dopo un alternarsi di leader, la gara viene condotta da Moramarco fino a due giri dal termine quando un’incomprensione durante un doppiaggio lo costringe a uscire di pista. Della situazione ne approfittano Scalini e Ponti, che concluderanno con quasi quattro secondi di vantaggio su Zweifler il quale, per eccessiva velocità in pitlane durante la sosta obbligatoria, viene penalizzato con un drive through perdendo tutto il vantaggio accumulato. Terzo il duo composto da Franco Mischis e Massimo Guerra alla guida della Giulia Sprint GTA, quarto assoluto un ottimo Giacomo Corbellini al debutto stagionale con la Giulia Sprint GTV. La vittoria tra le GTV 2000 sorride alla fine a Mercatali-Ciuffi, seguiti da Orlandini-De Vuono che rimangono in ogni caso leader dell’Alfa Revival Cup con 48 punti. Segue Renato Benusiglio, che, grazie al secondo posto di classe ottenuto in coppia con Bruno Repetto, vanta 43 punti. A una sola lunghezza Luigi Mercatali con 42 punti.

La classifica assoluta si definirà quindi all’ultima gara fissata il 25-26 ottobre sul Circuito di Vallelunga. Per quest’ultimo appuntamento di stagione, GPS Classic, promoter dell’Alfa Revival Cup, ha rinnovato l’invito a tutti i possessori delle vetture Giulietta e 1900 nelle varie versioni a partecipare riservando loro un sconto del 50% sulla quota d’iscrizione.

 

Post precedente

Porsche Sport cars Experience

Post successivo

Maledetta retromarcia

Redazione

Redazione

Il bello di ieri, il meglio di oggi, le auto di domani: AutoCapital, dal 1981 ogni mese il best-seller in edicola

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *