Landini, storica azienda 100% italiana, quest’anno ha compiuto 130 anni e per festeggiare ha deciso di mantenere in moto un suo trattore per 130 ore consecutive. Anche AutoCapital ha fatto la sua parte

Dobbiamo ammetterlo: ad AutoCapital nessuno pensava che prima o poi sarebbe arrivato un invito per guidare un trattore. Ma Landini ha superato ogni aspettativa invitandoci, insieme ad altri giornalisti italiani ed europei e a sportivi del calibro dell’ex calciatore Gianluca Zambrotta, a partecipare al loro 130 Hours Endurance. Un evento creato per festeggiare il 130 anni di vita del marchio (proprietà della Argo Tractors) completamente italiano, che ancora oggi produce i propri trattori unicamente nel nostro Paese. Le regole del gioco erano semplici: il trattore Landini Serie “7-215” da 212 CV doveva essere acceso la mattina di lunedì 6 ottobre e rimanere in moto per 130 ore consecutive, quindi fino al pomeriggio di sabato 11. L’evento si è svolto su un tracciato ad anello realizzato collegando fra loro alcuni impegnativi percorsi off-road proposti dal centro sportivo “SportVillage il Ciocco”, in Garfagnana. Esperienza particolare perché guidare un trattore è decisamente diverso che guidare un’autovettura. Alla fine i chilometri ufficiali sono stati 992, per complessivi 171 giri di pista ad una velocità media di 7,6 km/h e ciò ha dato origine a un contributo di circa 8.000 mila euro che sarà devoluto agli istituti scolastici di Fabbrico, in provincia di Reggio Emilia, colpiti dal terremoto del maggio 2012.

8 anni fa ci ha fatto vincere il mondiale, oggi guidiamo trattori insieme!

8 anni fa ci ha fatto vincere il mondiale, oggi guidiamo trattori insieme!

Post precedente

Dilettanti allo sbaraglio

Post successivo

Bobbio-Passo Penice • “Trofeo Antonio Renati”

Andrea Spitti

Andrea Spitti

Giornalista dal 2005 per il "Giornale di Brescia" e appassionato di motori fin dalla nascita. Passione che tiene viva scrivendo di auto per il mensile AutoCapital e guidando sulle strade di tutti e cinque i continenti.

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *