Nel 1968 nasce la prima berlina di classe medio-superiore di casa Alfa Romeo: riprende in parte la sigla delle 6C di fine anni Venti, da cui eredita anche l’indole sportiva. Apre la strada alla successiva 2000 e alle tre generazioni di Alfetta, che traghetteranno la Casa del Biscione nell’era Fiat.

41

La scelta della denominazione 1750 fu legata al desiderio di celebrare la memoria delle gloriose 6 cilindri degli anni Venti e Trenta con cui il marchio del Biscione si fece conoscere in Italia e nel mondo, complici anche le numerose affermazioni sportive.

 La 1750 venne presentata alla stampa a Vietri sul Mare, a sud della Costiera Amalfitana, all’inizio del 1968, dopo che la produzione era stata già avviata e le prime migliaia di esemplari già pronti per essere consegnati ai clienti, che potevano scegliere tra il cambio manuale a la trasmissione automatica ZF a 3 marce, in realtà poco richiesta in Europa. Al Salone di Torino del 1969, in autunno, vengono annunciati i primi ritocchi: fari allo iodio, doppio circuito frenante, volante e pedaliera sono aggiornati. Saranno introdotti con la produzione del 1970 e saranno gli ultimi prima della fine della carriera della 1750 che verrà rimpiazzata nel 1974 dalla berlina 2000, dotata del motore di 1962 cc e 128 CV (IGM) e aggiornata in pochi dettagli estetici tra cui i fari anteriori ora di eguale diametro e i gruppi ottici posteriori lievemente ridisegnati, con una differente suddivisione delle zone luminose colorate. La 1750 sarà prodotta complessivamente in 101.883 esemplari, di cui 1760 con motore a iniezione Spica. Il servizio completo sul numero di marzo di Autocapital.

Post precedente

Il nuovo numero di Aprile

Post successivo

Winter Marathon

Redazione

Redazione

Il bello di ieri, il meglio di oggi, le auto di domani: AutoCapital, dal 1981 ogni mese il best-seller in edicola

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *