Il più potente motore pentacilindrico (400 CV) abbinato all’elegante carrozzeria della 5 porte tedesca, opportunamente evoluta in chiave aerodinamica: ne derivano prestazioni “mostruose”, comportamento dinamico superbo e una raffinatezza estetica e costruttiva ancora da riferimento per la concorrenza.

1

Ventiquattro anni fa Audi lanciò la gamma RS: era il marzodel 1994 e la RS2 Avant su base 80 mostrò le capacità dei tecnici della Casa di Ingolstadt (in collaborazione con Porsche, per quel progetto) di trarre il meglio dai motori 5 cilindri turbo, con la provocazione di eseguire il non facile compito su una station wagon. Ben 315 CV vennero ottenuti da quel 2,2 litri 20 valvole. Oggi la RS3 Sportback porta all’estremo la ricerca delle performance e l’ottimizzazione della trazione integrale: il suo 2,5 litri – adottato anche dalle sportive TT RS – esprime 400 CV e 480 Nm di coppia massima, costante da 1700 a 5850 giri/minuto, e proietta la 5 porte bavarese da 0 a 100 km/h in soli 4,1 secondi grazie all’eccezionale rapidità del cambio s tronic a 7 rapporti, arrivando a una velocità massima, autolimitata elettronicamente, di 250 km/h che può essere portata – a richiesta – a 280 km/h.

Partiamo dal “cuore” di questa Sportback al testosterone: il nuovo pentacilindrico dei quattro anelli, condiviso per la prima volta anche con la RS3 Sedan (modello del tutto inedito: in precedenza i cultori delle berline compatte high-performance dovevano accontentarsi dei 310 CV del 2 litri turbo della S3), è un gioiello della tecnica che ha raggiunto livelli di sofisticazione sorprendenti. Basti pensare che adotta il basamento in alluminio, scelta che ha consentito di ottenere una riduzione del peso di ben 26 kg, e che rispetto al modello precedente ha guadagnato la bellezza di 33 CV, poco meno del 10%. È un motore da record sotto diversi punti di vista: si tratta del 5 cilindri di serie più potente al mondo e la sua potenza specifica di 161,3 CV/litro è al vertice assoluto nella sua categoria. Con un peso a vuoto (senza conducente) di 1510 kg il rapporto peso- potenza è pari a 3,78 kg/CV: nessun’altra 5 porte a 5 cilindri di questa categoria è capace di tanto. Mettere in moto questa “belva” produce emozioni già da fermo: la tipica sonorità del 5 cilindri, dovuta all’accensione alternata di cilindri immediatamente adiacenti e cilindri distanti, si esprime in modo unico grazie al particolare impianto di scarico e all’elettronica di gestione del motore. Molto più di un dettaglio.

2

Post precedente

BMW Z1

Post successivo

Il nuovo numero di Marzo

Redazione

Redazione

Il bello di ieri, il meglio di oggi, le auto di domani: AutoCapital, dal 1981 ogni mese il best-seller in edicola

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *